Home / Prevenzione / Si può essere allergici al Sole?
Donna con cappello stesa al sole

Si può essere allergici al Sole?

La fotoallergia è una reazione eccessiva del sistema immunitario all’esposizione al Sole ma è proprio grazie alla luce solare che il nostro metabolismo sintetizza la vitamina D, il prezioso alleato contro l’osteoporosi.

La frequenza del problema lo rende non trascurabile: sembra che un Italiano ogni dieci sia fotoallergico.

Cos’è e come si manifesta l’allergia al Sole

L’origine di questa problematica non è chiaro. Quello che è noto è che deve esserci una predisposizione genetica, quindi ereditarietà, ed eventualmente, ma non necessariamente, fattori esterni come l’utilizzo durante l’esposizione di creme o profumi.

I sintomi più comuni sono irritazione alla pelle e presenza di bolle o ponfi che possono presentarsi anche a distanza di ore dall’esposizione al Sole.

Come “gestire” l’allergia al sole

La prima cosa da fare  quando si sospetta di essere allergici al sole è rivolgersi al proprio medico per verificare la reale presenza dalla patologia (dermatite polimorfa, dermatite fotoallergica e orticaria solare) ma in generale:

  • vanno evitate esposizioni massicce ed improvvise preferendo esposizioni graduali fin da inizi stagione (il medico potrebbe optare anche per la fototerapia, processo artificiale che simula l’esposizione graduale);
  • evitare l’esposizione durante le ore col raggio solare più intenso;
  • usare filtri solari di ottima qualità specifici per chi soffre di queste problematiche (alcune protezioni potrebbero fare peggio).

Nel caso sia necessario intervenire a causa di sintomi gravi e prolungati il medico potrebbe optare per l’utilizzo di antistaminici o calcio antagonisti.

Le conseguenze per la vitamina D e l’osteoporosi

La vitamina D è generata dal nostro organismo a seguito dell’esposizione solare. Uno studio inglese conferma che le persone allergiche sono a rischio di bassi livelli di vitamina D. A meno che non sia efficacie la tecnica dell’esposizione graduale per ridurre la sensibilità della pelle, l’alimentazione e gli integratori diventano ancora più importanti per la salute delle ossa.

 

Leggi anche...

Auto smog emesso dal tubo di scappamento in controluce

L’inquinamento ambientale potrebbe danneggiare anche le ossa

Da tempo è noto come lo stile di vita inteso come l’alimentazione, l’attività fisica, l’esposizione …