Home / Uomo / Speranza contro l’osteoporosi per uomini con cancro alla prostata
osteoporosi uomo

Speranza contro l’osteoporosi per uomini con cancro alla prostata

I ricercatori hanno identificato una nuova molecola che potrebbe contribuire alla regolazione della vitamina D nell’organismo. Questo fenomeno potrebbe essere sfruttabile per ridurre il rischio di osteoporosi negli uomini in terapia per cancro alla prostata.

Delicati equilibri tra vitamine, enzimi e recettori…

La terapia contro il cancro alla prostata riduce i livelli di ormoni maschili. Questi ormoni giocano ruoli rilevanti in molti processi dell’organismo; tra di essi quelli che regolano la vitamina D nell’uomo causando un potenziale aumento del rischio osteoporosi.

Il recente studio 5α-dihydrotestosterone reduces renal Cyp24a1 expression via suppression of progesterone receptor pubblicato su Journal of Molecular Endocrinology ha rilevato un regolatore del metabolismo della vitamina D che può essere utilizzato per ridurre il rischio osteoporosi in uomini che stanno effettuando terapia anti cancro della prostata.

Da studi in vitro e su cavie, è emerso che la carenza di ormoni sessuali maschili è correlato all’incremento di un enzima che inattiva la vitamina D. Anche questo enzima è influenzato da qualcos’altro, in particolare da un aumento di un recettore del progesterone.

L’applicazione su uomini in terapia per il cancro alla prostata

La scoperta porta all’idea di modulare i livelli del suddetto recettore unitamente ad integratori di vitamina D. Se ulteriori studi confermeranno l’idea l’efficacia dell’attuale terapia contro il rischio di frattura ossea potrebbe incrementare.

Leggi anche...

anoressia

Anoressia come causa dell’osteoporosi: un rischio concreto

L’osteoporosi è una seria complicazione per chi soffre di disordini alimentari come l’anoressia. In Italia …