Home / Farmaci / Statine e rischio osteoporosi in pazienti affetti da ictus
Cuore in lana appoggiato su pillole di statine

Statine e rischio osteoporosi in pazienti affetti da ictus

Potrebbe farmaco più utilizzato per abbassare l’eccesso di colesterolo LDL essere utile anche contro l’osteoporosi?

Il recente studio Statin Use Is Associated With Decreased Osteoporosis and Fracture Risks in Stroke Patients effettuato su 5.254 pazienti con ridotta mobilità a causa di ictus sembra evidenziare un beneficio nella riduzione del rischio osteoporosi e fratture per i soggetti che assumono statine.

Risultati coerenti tra più studi

I ricercatori hanno verificato una riduzione del rischio tra chi fa uso di statine rispetto a chi non le assume e l’efficacia sembra proporzionale alla dose indipendentemente da età, genere e tipo di ictus.

Lo studio sembra coerente con due recenti meta-analisi che hanno notato una correlazione tra aumento di densità ossea con l’uso di statine ed una riduzione del rischio di fratture.

Le statine non sono prive di rischi

Non si vuole allarmare il lettore ma, come tutti i farmaci, anche le statine hanno effetti collaterali che possono arrivare ad essere gravi:

Si raccomanda, quindi, di non procedere autonomamente ma consultarsi sempre col proprio medico che saprà valutare il rapporto rischi-benefici ed identificare la terapia corretta.

Leggi anche...

Nota 96 dell’AIFA: prevenzione e trattamento per carenza di vitamina D

Lo scorso Ottobre 2018, l’Agenzia Italiana del farmaco emette la Nota 96 che intende regolamentare …