Home / Osso / Nanotecnologie dalla Finlandia contro l’osteoporosi
cellula

Nanotecnologie dalla Finlandia contro l’osteoporosi

Che le nanotecnologie siano una frontiera della ricerca lo si può intuire dal numero di notizie che si leggono sui giornali o si sentono in TV. Le applicazioni vanno dall’ingegneria alla medicina e l’osteoporosi non viene trascurata.

Dopo la promettente ricerca italiana guidata dal Politecnico di Torino arriva una ricerca Finlandese nello stesso campo.

Un “nano” telaio per le ossa

La ricerca è a cura del Dipartimento di Chimica dell’Università di Helsinki e l’obiettivo non è molto diverso dallo studio italiani: l’utilizzo di nano materiali capaci di stimolare la ricrescita dell’osso. Si tratta di impiantare chirurgicamente un “telaio” che stimoli la crescita dell’osso in modo che lo rimpiazzi e disgreghi. In questo modo nel tempo l’osso sano andrà a disgregare il materiale artificiale, sostituendolo e lasciando che il metabolismo se ne liberi naturalmente.

Va comunque sottolineato che si tratta ancora di una ricerca sebbene promettente.

L’idrossiapatite come base per il nano materiale

L’idrossiapatite è un materiale da tempo usato in medicina in quanto costituisce la componente minerale dell’osso.

L’uso tradizionale in medicina è come riempitivo osseo e lo studio finlandese la riprende con dei processi tutti nuovi per creare un materiale di dimensioni molto più piccole di quelle utilizzate tradizionalmente (fra 1 e 100 miliardesimi di metro). Da qui nanotecnologia.

Leggi anche...

birra

Birra come fonte di silicio: utile contro l’osteoporosi?

La birra è ricca di una particolare forma di silicio detta acido ortosilicico. Già nel …